>

Le nostre Tecnologie

VBC (Vibrazione Battente Connettivale)
VBC rimodella i tessuti, riduce noduli cellulitici e l’effetto “buccia d’arancia”. Inoltre ha altre benefiche azioni quali:
–TONIFICANTE DEL SISTEMA VASCOLARE, agendo sul microcircolo
–STIMOLANTE DEL SITEMA LINFATICO, favorendo l’eliminazione dei liquidi di ristagno.
–RASSODANTE, compensando inoltre lo svuotamento che si ha nelle zone cellulitiche.
–CONTRO IL DOLORE, poiché le vibrazioni battenti del manipolo permettono una riduzione del dolore delle aree trattate.

Prova il trattamento rimodellante connettivale

L’innovativa tecnologia per trattare gli inestetismi della cellulite e le alterazioni connesse quindi: ristagno di liquidi, pesantezza agli arti inferiori, lassità dei tessuti e pelle a “buccia d’arancia“. Alla provata efficacia dei trattamenti contro la cellulite, oggi grazie a VBC Vibrazione Battente Connettivale si affianca un nuovo concept, basato sulla compressione, microvibrazione, risposta elastica dei tessuti.

All’interno del manipolo ergonomico di VBC, un rullo a velocità variabile, induce un massaggio battente che genera una profonda vibrazione dei tessuti adipocitari.Il tessuto adiposo, viene prima “spacchettato” e poi ridistribuito dalle zone di accumulo, alle zone magre.

AZIONI BENEFICHE:

  • RIDUZIONE DELL’EFFETTO BUCCIA D’ARANCIA
  • FORTE DRENAGGIO DEL SISTEMA LINFATICO
  • RASSODAMENTO

WAVE SHAPE IV – Lipolaser di ultima generazione

TECNICA DEL LIPOLASER

L’elevata energia trasportata dal raggio laser esercita un’azione di rottura delle membrane delle cellule adipose causando la liberazione del grasso nei tessuti. Queste sostanze vengono gradualmente riassorbite, metabolizzate ed eliminate dall’organismo; a livello dei vasi sanguigni l’azione del laser determina una coagulazione (fotocoagulazione) perciò durante la liposmart il sanguinamento è piuttosto ridotto. Il laser inoltre non intacca in alcun modo l’integrità dei nervi né delle altre strutture presenti nell’area trattata. In seguito all’intervento non compaiono lividi o avvallamenti sulla pelle e non si percepisce dolore; l’unico fastidio è rappresentato da un leggero gonfiore delle parti del corpo trattate che però scompare in breve tempo.

Sottoporsi ad un intervento di liposmart non comporta alcun periodo di convalescenza e permette al paziente di ritornare dopo poco tempo alle sua abitudini quotidiane e lavorative. È importante osservare, nel periodo post-intervento, un’alimentazione leggera ed ipocalorica, mentre per una settimana circa si sconsiglia di dedicarsi ad intensi sforzi fisici come, ad esempio, attività sportive o lavori pesanti, ed è bene evitare anche sauna e bagno turco.

Poiché l’organismo deve riassorbire le sostanze liberate dalla distruzione degli adipociti, i primi risultati della liposmart si possono osservare a distanza di qualche settimana mentre l’esito definitivo si può iniziare ad osservare dopo due o tre mesi. In questo periodo di tempo, oltre all’eliminazione delle cellule adipose, l’organismo provvede ai naturali processi di autoriparazione basati sulla produzione di nuovo collagene che ridà alla pelle la sua struttura. Per migliorare i risultati della laserlipolisi e diminuire i tempi di recupero è possibile ricorrere a massaggi linfodrenanti nel periodo successivo all’intervento. Questi trattamenti possono essere effettuati manualmente, da massaggiatori professionisti, oppure mediante appositi macchinari.

I risultati garantiti dalla liposmart sono permanenti, nel senso che le cellule adipose vengono completamente distrutte e non si riformano. È però importante far notare che non si può vedere in questo trattamento una comoda “via di fuga” per condurre uno stile di vita non salutare, mangiando male e non praticando alcuna attività fisica. I medici che si occupano di liposmart consigliano al paziente, dopo l’intervento ed in maniera definitiva, di migliorare il proprio stile di vita globale consumando una dieta variata ricca di frutta, verdura e cereali integrali, e di effettuare un’attività fisica regolare almeno tre volte alla settimana.

VANTAGGI DEL LIPOLASER RISPETTO ALLA LIPOSUZIONE

La tecnica del lipolaser rappresenta un miglioramento della tradizionale liposuzione sotto diversi aspetti. Innanzitutto la liposmart è meno traumatica per il paziente, per via dell’utilizzo di un raggio laser e non di strumenti chirurgici; inoltre con la liposuzione è richiesta un’anestesia totale o comunque di una sedazione cosciente endovenosa, mentre nel caso del lipolaser è sufficiente solo una leggera anestesia locale.

I tempi di recupero successivi al trattamento sono estremamente ridotti nel lipolaser, e la ridotta invasività fa sì che sulla cute non rimangano antiestetici gonfiori o ecchimosi. Per quanto riguarda le cicatrici, dal momento che si utilizza una cannula del diametro di un millimetro, non rimangono segni evidenti sulla pelle e non è necessario applicare punti di sutura. Con la liposmart è inoltre possibile trattare aree di ridotte dimensioni, come ad esempio quelle facciali, ma anche avambracci ed interno coscia. Inoltre in seguito ad un intervento di lipolaser il paziente torna, nel giro di un paio di giorni, ad una perfetta normalità, mentre nel caso della liposuzione possono essere necessari anche 7-10 giorni di convalescenza.

Un aspetto fortemente negativo legato alla ‘classica’ liposuzione è il tipico rilassamento cutaneo dovuto all’asportazione delle cellule adipose, che quindi lascia la pelle floscia e dall’aspetto sgonfio. Proprio per questo motivo talvolta, a seguito di interventi di liposuzione piuttosto rilevanti, il paziente si deve sottoporre a successivi interventi di chirurgia estetica al fine di asportare la pelle in eccesso. Con la liposmart, al contrario, le cellule non vengono asportate ma il loro contenuto viene gradualmente riassorbite dando perciò tempo alla pelle di adattare le sue strutture alla nuova forma del corpo; la stessa fotostimolazione del raggio laser, inoltre, agisce a livello del collagene dermico e stimola il rassodamento della pelle.

Nonostante lipolaser e liposuzione possano essere considerati come trattamenti alternativi, in situazioni particolari è possibile associare le due tecniche. È questo il caso, ad esempio, di masse adipose di grandi dimensioni e difficili da rimuovere con tecniche convenzionali dove le due tecniche vengono impiegate in sinergia.

CONTROINDICAZIONI DEL LIPOLASER

In determinate situazioni la tecnica del lipolaser può essere sconsigliata. Questo avviene nel caso il paziente soffra di diabete, problemi a livello epatico e renale, disfunzioni e patologie dell’apparato cardiocircolatorio, malattie del sangue e della pelle oppure livelli eccessiva obesità.

Le persone che possono sottoporsi senza problemi al trattamento di laserlipolisi sono uomini e donne in buono stato di salute e che siano state correttamente informate dal medico riguardo ai risultati ottenibili mediante questa pratica. Può infatti accadere che il paziente si prefiguri esiti finali eccessivamente ottimistici, ed è compito del professionista fare chiarezza riguardo alle reali possibilità di successo della terapia.


GEOWAY – infrarossi in movimento !

Sun 400 Xl

Fare Fitness in una dimensione Olistica La perfetta combinazione tra movimento e raggi infrarossi

Abbiamo realizzato Sun 400XL,

la perfetta combinazione tra movimento e calore prodotto dai raggi infrarossi (A,B,C)

“la nuova generazione del Fitness”.

 

INFRAROSSO A CONTATTO

Perche’ vengono utilizzati i raggi infrarossi?

L’irraggiamento con i raggi infrarossi ha la funzione di riscaldare la massa adiposa fino a 4 cm di profondità, rendendo così il grasso caldo biodisponiobile all’ossidazione (consumo di grasso). La combinazione di raggi infrarossi ed esercizio fisico è il solo metodo comprovato, naturale e scientifico, in grado di ridurre il grasso localmente

Cosa sono e gli effetti sulla bellezza:

I raggi infrarossi furono scoperti nel 1800 dal fisico William Herschel ponendo un termometro a mercurio nello spettro prodotto da un prisma di vetro per misurarne il calore delle differenti bande di luce colorate.

Fu così che poté osservare che la temperatura del termometro continuava a salire anche dopo essersi mosso oltre il rosso dello spettro dove non c’era più luce visibile. Questo rappresentò il primo esperimento che documentava come il calore poteva trasmettersi grazie ad una forma invisibile di luce.

Dalla scoperta dei Raggi infrarossi moltissimi ricercatori e scienziati continuarono a studiarne le caratteristiche e gli effetti documentandone i molteplici benefici sull’organismo umano. Il sole è sempre stato il nostro fornitore Naturale di energia Infrarossa (Calore ), senza il quale nessuna forma vivente potrebbe sopravvivere sulla terra.

L ‘energia radiante degli infrarossi (FIR) è una forma di energia che ha la capacità di riscaldare direttamente gli oggetti senza dover riscaldare l’aria circostante.

Gli Infrarossi lontani (FIR) sono una specifica lunghezza d’onda dei raggi solari. Lo spettro elettromagnetico dei Raggi Infrarossi si divide in tre lunghezze d’onda misurate in Micron.

I micron =1/1.000.000 di metri

Infrarossi vicini : 0.76 – 1.5 micron

Infrarossi medi : 1.5 – 5.6 micron

Infrarossi lontani: 5.6 – 10 micron.

Possiamo a questo punto concludere che i Raggi infrarossi sono più semplicemente dei raggi che producono calore e gli stessi nulla hanno a che fare con i raggi Ultravioletti ( i raggi che abbronzano) fra l’altro molto dannosi per la pelle. I campi di applicazione dei salutari raggi Infrarossi sono i più svariati ma quello che più ci conferma i benefici effetti degli stessi è poter osservare che nelle nursery degli ospedali le incubatrici riscaldano i piccoli neonati proprio con i Raggi infrarossi

I tessuti muscolari si rilassano sciogliendo ogni loro tensione.

Favoriscono un incremento della circolazione sanguigna con un conseguente miglioramento del trasporto di ossigeno alle cellule, inoltre, l’esposizione agli infrarossi facilita ed agevola la guarigione di tutte quelle patologie legate alle articolazioni, (artriti, artrosi) ai tendini (tendiniti) ed ai muscoli (tensioni, contratture ecc) accorciando così il tempo di guarigione e risultando nel contempo un ottimo analgesico naturale. Facilitano l’espulsione di tossine e quindi di liquidi in eccesso contrastando la ritenzione idrica.


PRESSOTERAPIA

effetti “presso”

La pressoterapia è un’apparecchiatura che agisce sulla circolazione venosa e linfatica rendendola più efficiente e migliorando, di conseguenza, inestetismi estetici quali cellulite, adiposità localizzate e ritenzione di liquidi.

Generalità

La pressoterapia è un trattamento medico ed estetico, che migliora il rendimento del sistema circolatorio e del sistema linfatico, in chi vi si sottopone.

Trova diversi impieghi:

– nel combattere gli inestetismi della cellulite;

– nel ridurre la ritenzione idrica da linfedema;

– nel ridefinire alcune parti del corpo (solitamente le gambe);

– nell’incentivare l’eliminazione delle sostanze tossiche dal corpo;

– nel favorire lo snellimento di alcuni parti del corpo (in questo caso, è fondamentale anche un’adeguata attività fisica).

La pressoterapia prevede l’applicazione di una pressione a livello della zona da trattare. Ad esercitare tale pressione sono delle specie di cuscini, che emettono getti d’aria e con i quali il terapeuta copre il paziente.

La pressoterapia non richiede una preparazione particolare – salvo il digiuno – ma è controindicata in diverse situazioni (gravidanza, diabete con microangiopatia, trombosi venosa profonda, cirrosi epatica ecc).


CRIOLIPOLISI – La scultura del corpo non invasiva

Generalità

La criolipolisi è un trattamento di medicina estetica non invasivo, che consente la riduzione del grasso localizzato attraverso l’uso del freddo.

La metodica si attua attraverso una particolare apparecchiatura che permette di agire su regioni specifiche del corpo e prevede di controllare il processo di raffreddamento delle cellule adipose per innescare una lipolisi. CriolipolisiNei mesi successivi al trattamento, i frammenti adipocitari vengono eliminati naturalmente per via fisiologica (attraverso il sistema linfatico, il canale gastroenterico e la via epatica) e lo spessore dello strato adiposo si riduce.

La procedura non è dolorosa e permette di riprendere subito le attività quotidiane. Tuttavia, si possono trattare solo piccole aree per volta, quindi sono necessarie più sedute.

Meccanismo d’azione

“Crio” deriva dal termine greco “kryos” che significa “ghiaccio” e richiama il meccanismo d’azione della procedura.

La criolipolisi si basa, infatti, su un semplice principio termico, secondo il quale il grasso va incontro a riduzione, se “congelato”.

In questo modo, le cellule adipose (adipociti) che si trovano nel tessuto sottocutaneo, essendo sensibili al raffreddamento, sono sottoposte ad un processo di cristallizzazione, a cui segue una lisi spontanea, lenta e graduale (apoptosi).

La morte cellulare degli adipociti “danneggiati” dallo stress termico provoca l’attivazione dei processi infiammatori, la “digestione” del tessuto grasso apoptotico e la liberazione dei lipidi contenuti nelle cellule adipose degradate in 2-8 settimane. Quest’ultimi vengono trasportati dal sistema linfatico per essere processati ed eliminati, come succede ai grassi derivanti dal cibo.

La criolipolisi è particolarmente indicata per le adiposità localizzate e risulta adatta per il rimodellamento del corpo.

Cosa accade dopo il trattamento

Dopo 2 giorni – Nei primi 2 giorni dopo la crioplipolisi, ha inizio il processo infiammatorio.

Dopo 7 giorni – Nel giro di una settimana, si ha lo sviluppo di un’intensa panniculite lobulare.

Dopo 15 giorni – Dopo circa due settimane dalla seduta, gli adipociti sono circondati da linfociti, cellule mononucleate ed altri mediatori dell’infiammazione. In questa fase, le cellule adipose hanno avviato il processo che porta alla riduzione delle loro dimensioni.

Dopo 30 giorni – Dal 15° al 30° giorno, l’infiammazione induce un processo fagocitario: i macrofagi iniziano a digerire gli adipociti apoptotici per facilitare la loro progressiva eliminazione dal corpo.

LA VERITA’ sulla RADIO FREQUENZA per estetica VISO-CORPO

Tuteliamo ed aiutiamo la diffusione della verità a proposito dell’utilizzo di radiofrequenza a scopi estetici


BIO LIGHT 1000 – monochrome

FOTOBIOMODULAZIONE

Con questo termine definiamo l’utilizzo di emissioni di luce a bassa intensità per stimolare l’attività biologica delle cellule.

Attraverso l’utilizzo di LED (Light Emitting Diode) il potenziale elettrico si converte in energia elettromagnetica trasmessa sotto forma di fotoni di luce.

Con un processo molto simile a quello della fotosintesi clorofilliana, il mitocondrio viene stimolato dall’irradiamento dei fotoni di luce attraverso i propri recettori chiamati citocromi attivando così una serie di effetti a cascata tra cui l’aumento della produzione di ATP (molecola responsabile dell’apporto di energia alle cellule) e del VEGF (processo di formazione di nuovi vasi sanguigni)

IL CODICE DELLA LUCE

E’ un complesso di reazioni biochimiche traumatiche che si instaurano tra i fotoni luminosi emessi ed alcuni recettori cellulari.

Codici diversi producono effetti biologici diversi.

E’ così possibile condizionare l’attività biologica della cellula semplicemente variando il codice luminoso.

Il codice si basa su una serie di parametri tra cui:

lunghezza d’onda, frequenza dei picchi, intensità di energia, tempo di trattamento, intervallo tra impulsi luminosi.

Biolight 1000 é un’apparecchiatura a LED con lunghezza d’onda da 880 Nm, che offre nuove possibilità terapeutiche nel trattamento degli esiti dell’invecchiamento cutaneo e nell’incremento del calibro dei vasi linfatici.

A differenza di altri trattamenti che si basano sul calore e sulla lesione termica per correggere i “difetti cutanei”, l’applicazione della luce mediante strumentazione a LED é un processo:

  • atermico
  • indolore
  • non invasivo
  • di rapida esecuzione
  • senza alcuna limitazione alla socializzazione
  • con possibilità di trattamento per un numero elevato di clienti

SCHEDA TECNICA
Alimentazione 230 VAC 50 Hz
Corrente assorbita 80 mA
Emettitori L.E.D.
Tipo di luce emessa infrarossa
Lunghezza d’onda 880 Nm
Gestione microprocessorata Proprietaria
Dimensioni massime 50x40x20
Uscite 1
Interfaccia utente Tastiera a membrana
Interfaccia visiva Display 40×4 alfanumerico
Peso 8 Kg
Fusibili 2xT500 mA
EN 60825-1:1994 classe 1

EFFICACE A 360°

EFFETTI ESTETICI

  • Miglioramento della texture cutanea
  • Diminuzione della profondità delle rughe periorbitali
  • Riduzione della iperpigmentazione cutanea
  • Effetto anti-infiammatorio (inibizione dell’eritema UV indotto)
  • Azione antiedemigena
  • Accelerazione dei processi di cicatrizzazione

EFFETTI BIOCHIMICI

  • Incremento della deposizione del collageno nel derma papillare
  • Aumento della produzione di VEGF
  • Aumento della sintesi di DNA da parte dei fibroblasti e maggior produzione della crescita cellulare
  • Aumento della crescita cellulare

TRATTAMENTI

CORPO VISO
Detox Detox
Linfodrenante Anti-Age
Cellulite edematosa Tonificazione
Cellulite fibrosa Pelle secca / disidatrata
Adiposità localizzate Pelle mista / grassa
Addome Pelle impura
Braccia Pelle acneica
Glutei

>